Categoria

Come si usa un sollevatore per disabili e anziani

   02/18/2019     Come si usa    0 Commenti
Come si usa un sollevatore per disabili e anziani

Come usare un sollevatore

Oggi parliamo di come usare un sollevatore per anziani e invalidi ovvero di quegli attrezzi necessari per chi ha difficoltà nella mobilità quotidiana. Infatti questi sollevatori elettrici aiutano anche gli assistenti del malato a scendere dal letto.

Nella situazione in cui una persona è costretta a letto per degenza o per invalidità torna utile l’utilizzo dei sollevatori (o verticalizzatori) per disabili, prodotti creati appositamente per aiutare anziani e invalidi nelle manovre di salire e scendere dal letto.

Esistono diversi modelli di sollevatori per disabili e non esiste in assoluto il migliore, ma in questo articolo cercheremo di aiutarvi nella scelta del sollevatore per anziani più adatto alle vostre esigenze. Infatti ci sono molti elementi che condizionano la scelta di questo ausilio: in particolare prima di effettuare un acquisto del sollevatore valuta se ci sono gli spazi disponibili per le manovre e per l'ingombro del mezzo, chi userà questo sollevatore (un assistente esperto oppure un parente magari anziano?), la disponibilità economica e la frequenza di utilizzo. 

Valutate attentamente gli ingombri e la maneggevolezza: è frequente infatti che vengano acquistati ottimi sollevatori che però sono difficili da collocare in una stanza o sono difficili da trasportare per altri spostamenti motivati da ragioni di lavoro o di salute. Esistono infatti sollevatori che presentano caratteristiche utili per essere riposti o trasportati facilmente; in catalogo abbiamo un sollevatore pieghevole che può essere richiuso su se stesso per occupare poco spazio ed essere riposto in uno stanzino o sotto il letto (clicca qui per il sollevatore pieghevole). In linea generale, quindi, il sollevatore dev'essere comodo, maneggevole e sicuro sia per chi lo usa che per la persona con disabilità. 

Questi sono gli  elementi principali che aiutano a dare la giusta valutazione. Ma non solo, ci sono anche aspetti tecnici che vogliamo mostrarti…

Le caratteristiche tecniche comuni a tutti i sollevatori per disabili

Sotto il profilo tecnico, il sollevatore non è uno strumento molto complesso, al suo meccanismo di sollevamento è innestato un bilanciere, che si alza e si abbassa, a cui bisogna agganciate specifiche imbracature studiate per accogliere la persona con disabilità in tutta sicurezza e che garantiscono il sollevamento di un peso massimo ben specificato. Di solito per ogni sollevatore ne sono disponibili diversi tipi che rispondono a  differenti esigenze dell’utente.

I sollevatori possono essere anche mobili o fissi, a seconda che possano essere spostati agevolmente all'interno dell’abitazione oppure essere fissati laddove serve.

I sollevatori mobili sono senza dubbio i più utilizzati e tuttavia, a volte, bisogna valutare l’effettiva disponibilità di spazio. Noi consigliamo i sollevatori pieghevoli che possono essere facilmente trasportati e riposti.

Le tipologie di sollevatori per disabili e anziani

La prima cosa da sapere su come usare il sollevatore per disabili e anziani è la distinzione tra le due tipologie. Infatti abbiamo il sollevatore per invalidi manuale, con movimentazione a manovella, e il sollevatore elettrico per invalidi, con movimentazione elettronica tramite pulsantiera.

I meccanismi del sollevatore manuale si basa su una vite senza fine oppure su una pompa oleodinamica ed in questo caso l’assistente alla persona (esperta o un familiare) deve compiere uno sforzo, pur non molto impegnativo. Con il sollevatore elettrico, invece, ha un motore alimentato da batteria o da rete elettrica, il movimento viene attivato da una pulsantiera che aziona il bilanciere ad una velocità studiata e controllata per garantire sicurezza e comodità. Questa ultima tipologia è indicata ad assistenti alla persona non esperte e che magari sono anziane, che quindi non possono impiegare sforzi per sollevare il parente.

Le differenze non sono sostanziali sotto il profilo della struttura, dell’ingombro e della sicurezza. La diversità sta nel costo e nella comodità d’uso.

Le imbracature per avvolgere il disabile

Non sottovalutate la scelta di una buona imbracatura, questa infatti dev'essere adatta alla persona con disabilità e deve risultare comoda, con indicato il peso massimo che riesce a sollevare. Nel momento precedente al sollevamento, bisogna prestare un pò di attenzione quando si aggancia l'imbracatura al bilanciere e si avvolge il disabile per non causargli problemi o fastidi. Le tipologie di imbracature è molto variegata per materiali, dimensioni e modalità di aggancio. Quando si sceglie l’imbracatura, bisogna considerare il controllo della testa e del tronco, il peso e le dimensioni corporee dell’utente.

Per evitare problematiche legate alla scelta dell’imbracatura, è importante che il medico prescrittore precisi dettagliatamente quali siano le esigenze del paziente, indicando, la tipologia di imbracatura.

Come usare il sollevatore per disabili, le fasi principali:

Di seguito viene illustrata la corretta procedura di utilizzo del sollevatore:

• Se il disabile è già sul letto, fatelo ruotare prima su un fianco (assicurandovi che la sua posizione sia stabile e non cada dal lato del letto, può essere utile avere le sponde da agganciare al letto) in modo da liberare l’area sul letto in cui posizionare e stendere l’imbracatura; 
• Posizionare il telo sotto il disabile, all'altezza della schiena, facendolo ruotare posizionandolo sopra l’imbracatura. Se necessario ruotare la persona anche sull'altro fianco e sistemare il telo;
• Riposizionare il paziente in posizione supina;
• Posizionare il bilanciere del sollevatore sopra il disabile per poi agganciare l’imbracatura negli appositi ganci. Prendete tutto il tempo necessario, dovete assicurarvi che sia ben agganciato al bilanciere;
• Procedere lentamente con il sollevamento del paziente, se il sollevatore per disabili è elettrico allora utilizzate l’apposita pulsantiera;
• Controllate la manovra di sollevamento e assicuratevi che tutto il corpo del disabile sia avvolto dall’imbracatura, specialmente la testa;
• Quando siete giunti ad un’altezza tale da poterlo spostare, allora posizionate il disabile in direzione del sollevatore così da poterlo accompagnare fuori dal letto prendendo il sollevatore dalle apposite maniglie;
• Il sollevatore dispone di una leva per allargare la base così da avvicinarsi alla sedia a rotelle senza ostacoli; 
• Posizionare il paziente sopra la sedia a rotelle, assicurandosi che la sedia sia bloccata;
• Fermare il sollevatore e far scendere il paziente fino a farlo sedere;
• Sganciare il telo e sfilarlo da sotto il corpo del paziente.

Per determinate manovre o utilizzi fare ricorso al manuale del prodotto dove è illustrato il modo migliore per usare il sollevatore in base alle sue specifiche caratteristiche.

Di seguito vogliamo proporvi uno dei nostri sollevatori elettrici pieghevoli. È un pratico sollevatore per anziani e invalidi, e riesce a sollevare fino a 180 kg. Viene venduto compreso di imbracatura e può essere facilmente richiuso su se stesso per occupare pochissimo spazio.

Sollevatore elettrico Samson

Il sollevatore elettrico pieghevole per anziani e invalidi è un ausilio utilissimo per quelle persone che necessitano di lunghe degenze a letto. Completo di tutte le funzionalià, riesce a sollevare fino a 180 kg senza problemi. Viene fornito di serie anche l'imbracatura con contenzione del capo. La sua particolarità è la capacità di richiudersi per essere riposto in spazi stretti o sotto il letto.

  • Compatto
  • Pieghevole
  • Robusto

Vai al prodotto

sollevatore pieghevole elettrico per anziani

Share This Post :

Lascia un commento

* Nome
* Email (Non pubblicato)
   Sito web (URL del sito conhttp://)
* Commento
Digita codice